Pompei, patrimonio dell’UNESCO

Pompei, in latino Pompeii e in napoletano Pumpeie ha origini antiche quanto quelle di Roma: una migrazione di abitanti dalla Valle del Sarno, discendenti dai famosi Pelasgi, formò un primitivo insediamento ai piedi del Vesuvio: forse non un abitato vero e proprio, più probabilmente un piccolo agglomerato posto all’incrocio di tre importanti strade, ricalcate in epoca storica dalla via proveniente da Cuma, Nola, Stabia e da Nocera.
Nell’autunno del 79 d.C. (primo anno di regno dell’imperatore Tito, cfr. Cassio Dione V) Pompei fu sommersa da una pioggia di cenere e lapilli (e non lava, come spesso viene riportato) che, salvo un intervallo di alcune ore, cadde ininterrotta fino a formare uno strato di oltre tre metri. Al momento dell’eruzione molti edifici erano in fase di ricostruzione a causa di un sisma verificatosi pochi giorni prima, e non – come precedentemente creduto – per quello del 62, i cui danni erano già stati completamente riparati.
Nell’area degli scavi archeologici è stata portata alla luce l’antica città romana sommersa dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.. L’improvvisa pioggia di cenere, polvere e lapilli hanno cristallizzato la città e la sua tragedia, preservandole nei secoli.
Nel 1997 l’UNESCO ha dichiarato Pompei “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”. Il Comitato ha deciso di promuovere l’area considerando che gli straordinari reperti delle città di Pompei, Ercolano e delle città limitrofe, sepolte dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., costituiscono la testimonianza unica di una struttura sociale conservata pressoché intatta per due millenni.